La diga dentale – Il tuo dentista la usa?

In questo articolo parleremo e sopratutto vedremo l’utilizzo di questo prodotto che nella realtà dei fatti è usato in una percentuale molto bassa di studi dentistici: la diga dentale.

Definire una diga è molto semplice, si tratta di un foglio di lattice in gomma naturale normalmente di forma quadrata di 15×15 centimetri e dallo spessore che può variare da 0. 15, 0. 20 a 0. 30 millimetri.
Questo foglio viene bucato con un apposito strumento per avvolgere i denti da isolare per impedire di contaminare con l’umidità il campo operativo.

Vantaggi:

  • Maggior sterilità nelle cure canalari o devitalizzazioni
  • Reciproca protezione da contaminazione per i pazienti ma anche per i dentisti (ad esempio nella rimozione di amalgame contenenti mercurio)
  • Impossibilità di deglutire involontariamente parti rimosse o strumenti durante le cura da parte del paziente
  • Il dentista opera in un campo perfettamente asciutto , in assenza di umidità e sopratutto nelle nelle devitalizzazioni in canali radicolari non inquinati
  • Vediamo come si posiziona e come si usa questo mezzo di protezione.

    1 di 4

    2 di 4

    3 di 4

    4 di 4

    Ancora due video interessanti.

Leave a Reply

Leggi articolo precedente:
Impronta dentale ottica con scanner orale

Si avvicina il momento in cui si potrà dire basta alle impronte dentali prese con tutti quei materiali poco tollerati...

Chiudi